Laserterapia

Rimozione Tatuaggi

Il tatuaggio è una tecnica di decorazione della pelle che si ottiene introducendo nella cute pigmenti di varia natura.

Il pigmento, una volta introdotto nella cute, va incontro ad una serie di adattamenti dinamici grazie alla sua interazione con le strutture biologiche in contatto.

Nelle ore successive all’esecuzione del tatuaggio, l’inchiostro si trova in una posizione abbastanza superficiale, parte di esso verrà eliminato nelle settimane successive per via trans epidermica mentre il restante nel tessuto determinerà un’alterazione delle strutture cutanee coinvolte , infatti esami effettuati su sezioni istologiche hanno evidenziato chiaramente un’importante omogeneizzazione a carico sia dell’epidermide che del derma papillare, con distruzione della membrana basale..

Nei mesi successivi si osserva un progressivo affondamento del pigmento:

Dopo 30 giorni, poco pigmento è ancora reperibile a livello epidermico mentre la maggior parte è presente lungo la membrana basale dermo-epidermica e al di sotto di essa, quest’ultima è separata dalle strutture  sovrastanti da tessuto di granulazione.

Dopo 60 giorni, cessa completamente l’eliminazione trans epidermica del pigmento, questo si ritrova solo nel derma, scompare il tessuto di granulazione, sostituito da una fibrosi che tende ad isolare il tessuto infarcito di pigmento; possono verificarsi anche fenomeni reattivi più importanti simili ai granulomi da corpo estraneo.

La terapia ideale per la rimozione dei tatuaggi dovrebbe determinare la scomparsa del tatuaggio senza esiti cicatriziali o discromie permanenti..
Prima dello sviluppo dei sistemi laser a impulso breve, Q - switched, le possibilità erano limitate a metodiche estremamente invasive, dermoabrasione, escissione chirurgica.
Recentemente i sistemi laser ad impulso breve, i laser Q - switched hanno rappresentato il più grande progresso nel trattamento per cancellare i tatuaggi, grazie alla loro capacità di emettere brevissimi impulsi a elevata potenza di lunghezze d’onda estremamente selettive per il cromoforo responsabile della alterazione cromatica con minimi effetti collaterali.

Il trattamento di rimozione di tatuaggio è una procedura che necessita di un numero di sedute che dipende da numerosi fattori.
Ad esempio i tatuaggi amatoriali, che solitamente utilizzano pigmenti inorganici, necessitano di un numero inferiore di sedute rispetto a quelle impiegate per trattare tatuaggi professionali, in cui vengono impiegati con maggior frequenza coloranti organici. Inoltre il numero di sedute necessarie è direttamente proporzionale alla quantità di pigmento utilizzato, alla profondità di impianto e alla superficie del tatuaggio.

L’intervallo tra una seduta ed un’altra è di circa 4 settimane.
Il laser da noi impiegato è il laser Q - switched  Nd-YAG duplicato (1064-532 nm), esso è in grado di emettere due diverse lunghezze d’onda, infatti è possibile trattare con la lunghezza 1064 nm, tatuaggi neri e blu scuri mentre, con la lunghezza 532 nm, tatuaggi rossi, bruni, viola e rosa.


Trattamento Viso:
Rughe

L’invecchiamento cutaneo è causato da diversi fattori sia intrinseci che sono geneticamente predeterminati sia estrinseci legati allo stile di vita...

 


Trattamento Corpo:
Adipe

L'intralipoterapia rappresenta una tecnica innovativa e sicura per il rimodellamento di regioni corporee che prevede l'iniezione direttamente nel grasso...

 


Laser Terapia:
Epilazione
Il bersaglio per l’epilazione è rappresentato dall’eumelanina concentrata nel fusto e nel follicolo pilifero a livello della...

 


Laser Terapia:
Co2
Con questo sistema la guarigione della pelle è molto più veloce.
Il trattamento può essere esteso a tutto il viso o limitato ad aree particolari come le palpebre...